[IT] In bicicletta sulle orme di San Martino Tappa casalinga per il gran faticatore

12.06.2014: Artikel, erschienen in Il Giorno vom 12.6.2014

Diego Vallati a Pavia dopo aver percorso 1.200 chilometri Il ciclista giramondo in pieno centro e durante la visita in Curia (Torres)

di STEFANO ZANETTE PAVIA TAPPA casalinga per il pavese Diego Vallati. Nel suo viaggio, in bicicletta e in solitaria, lungo il Cammino di San Martino, dalla città natale Szombathely (in Ungheria), fino a Tours (in Francia), dove il santo fu vescovo e dov'è sepolto, dopo aver compiuto circa 1.200 chilometri, a poco meno della metà del percorso, ieri è arrivato a Pavia. Un gruppo di amici, tra cui una delegazione dell'associazione "MovitiPavia" e di "#salvaiciclisti", gli sono andati incontro alle porte della città, in località Prado, accompagnandolo fino in piazza del Duomo, dove in Vescovado è stato ricevuto dal vicario diocesano, monsignor Adriano Migliavacca, e s'è fatto timbrare il "libretto" con le credenziali che testimoniano tutte le tappe del viaggio. Un'impresa certo meno impegnativa dei precedenti record del 67enne pavese, che nel 2012 è stato il primo a percorrere interamente (in bicicletta e sempre in solitaria) gli 8mila chilometri del tracciato "Iron Curtain Trail", lungo l'ex Cortina di ferro, e che tra i suoi viaggi ha il primato più unico che raro di essere arrivato due volte a Capo Nord (nel 2006 e nel 2009, con percorsi diversi). SEMPRE con "Oly", una normale city-bike acquistata nel 1996, che ieri pomeriggio, approfittando della tappa pavese, è stata portata dal meccanico per una messa a punto prima di affrontare la seconda metà del viaggio. "Finora è andato tutto bene - racconta Vallati - dopo un piccolo imprevisto alla partenza, che mi ha fatto ritardare però di un solo giorno". La mattina dello scorso 27 maggio, a Szombathely in Ungheria, ad attendere in Municipio il ciclista pavese in partenza c'erano autorità e tv locali. "Mi sono sorpreso - confessa Vallati - di tanta attenzione, ma lì ci tengono molto a promuovere e valorizzare il Cammino e tutto quel che riguarda San Martino". E già questa mattina, dopo una sola notte passata a casa, Vallati ripartirà per completare il percorso: l'appuntamento è per le 8.45 davanti alla chiesa parrocchiale di San Martino Siccomario. "Il viaggio è dedicato a Emanuele - ci tiene a far sapere Vallati - il neonato nipotino del mio "navigatore" Giorgio".